Come trovare i primi dieci clienti

Come trovare i primi dieci clienti

Come trovare i primi dieci clienti

Quando ho iniziato la mia avventura come freelance molti anni fa, ho imparato sulla mia pelle alcune lezioni molto importanti per la partenza. Ho visto molte persone che desideravano diventare liberi professionisti e non ce l’hanno fatta: hanno ripiegato su un lavoro che non gli piaceva, oppure sono diventati i cosiddetti precari. La partenza nella carriera di un libero professionista è molto importante per due motivi: uno, ovvio, di natura economica: non puoi rimanere troppo senza clienti, anche se hai un compagno che ti supporta per un certo periodo di tempo. Il secondo è motivazionale: dopo un po’ se non hai risultati, come qualsiasi altra cosa nella vita, ti scoraggi. È importante quindi crearsi un obiettivo ben preciso: trovare i primi 10 clienti, quelli che ti daranno la convinzione di continuare e anche una buona base di esperienza per andare avanti.
Allora, stai partendo, hai il tuo CV e tanta buona volontà, qual è la strategia per avere i primi 10 clienti il più velocemente possibile?

1. Se stai uscendo da un’azienda, mantieni buoni rapporti con i tuoi colleghi e con i fornitori. Potrebbero essere la prima fonte di guadagno – anzi, spesso sono il tuo primo cliente. L’azienda infatti sa che tu conosci bene non solo il settore, ma anche i loro problemi e obiettivi e quindi tendono a fidarsi più di te che di altri consulenti. Esci dall’azienda con grazia, anche se non sei contento e qualche settimana dopo manda una tua presentazione alle persone chiave. Se sei in una multinazionale, mentre sei ancora al lavoro prenditi del tempo per esplorare quali reparti avrebbero più bisogno dei tuoi servizi e vai a conoscere le persone chiave: sarà utile poi mandare a tutti una presentazione, perché in un’azienda molto grande i reparti non comunicano molto bene tra di loro e potresti perdere ottime occasioni.

2. Identifica una nicchia particolare di clienti più facile da colpire. Sono clienti che conosci bene, aziende che lavorano nel settore da cui provieni o che richiedono esattamente le competenze che tu hai. Non è importante se è una nicchia molto piccola: non riuscirai comunque a soddisfarla tutta e potrai diversificare in futuro in ogni caso. Adesso l’obiettivo è dieci clienti nel minor tempo possibile.

3. Non inviare il CV: ti sembrerà strano, ma non si fa. Il fatto che tutti lo facciano ti dà già un vantaggio: sei diverso e comunichi in modo migliore. Crea una pagina con il tuo profilo, un riassunto di chi sei, cosa sai fare e delle esperienze principali (niente tesi di laurea, please…). Metti una bella foto nel foglio di presentazione: per bella foto intendo niente foto di passaporto, piccolina e sgranata, ma una foto a mezzo busto, professionale. Per questo, se stampi quel foglio, usa carta abbastanza spessa perché rimanga una buona immagine. Crea un PDF e invia la presentazione insieme con una lettera di accompagnamento che deve riprendere i concetti fondamentali scritti nel profilo. Non avere paura di ripeterti: le persone leggono poco e velocemente, soprattutto quando si tratta di pubblicità, per cui repetita veramente iuvant.

4. Se lavori con aziende e hai il nome e il cognome della persona e l’azienda in cui lavora, difficilmente riuscirai ad avere anche la sua e-mail personale, che comunque non leggerebbe. Invia la tua presentazione con il tuo profilo con una lettera cartacea. Sì hai letto bene: se ci pensi, oggi nessuno spedisce lettere cartacee, perché costa ed è più difficile. Quindi non avrai concorrenti: ancora oggi questo metodo mi permette di contattare clienti che non sarei riuscito a contattare con email o chiamate a freddo. Prepara un database con nome, cognome, funzione aziendale e indirizzo. Esagera: qui serve olio di gomito. Se vuoi dieci clienti, devi avere un database di almeno 1000 contatti, meglio se 2000, quindi sotto con il lavoro, anche perché questo database è prezioso e potrai usarlo anche in futuro, per trovare altri dieci, venti, trenta clienti.

5. Se i tuoi clienti sono privati, manda presentazioni agli intermediari dove questi privati si servono. Se sei un massaggiatore, manda presentazioni a 500 centri massaggi. Mira anche a centri lontani; per adesso ti serve lavorare e fare esperienza, anche se fai un po’ più di fatica e spendi qualcosa in più di carburante, non importa. Potrai scegliere in futuro. Allo stesso tempo, comincia a fare pubblicità online: mentre ancora stai lavorando, prepara un sito web anche molto semplice ma completo e comincia a scrivere articoli. Apri una pagina Facebook professionale dove posti regolarmente e investi in pubblicità sulla pagina: soprattutto se vendi localmente, i budget sono ancora abbastanza piccoli, a volte bastano 5-10 euro al giorno per trovare clienti. Mi raccomando, scrivi molto: Facebook, così come gli altri social media, richiede aggiornamenti continui.

Ricorda che la quantità è tanto importante quando la qualità: non puoi sperare di mandare 80 CV ed avere dieci clienti, a meno che tu non offra un prodotto veramente particolare e ricercato. Moltiplica per almeno 100: se vuoi trenta clienti, allora contatta 3.000 aziende. Per i privati, moltiplica per 10.000: se vuoi 30 clienti, contatta almeno 300.000 persone, se fai pubblicità online. Questa pubblicità massiccia non è+ molto costosa e ti permetterà di creare sian base anche per i futuri clienti.

[/vc_column_text]

[/vc_column][/vc_row]
Vuoi moltiplicare la tua tariffa e diventare uno dei freelance più richiesti del mercato?

L'evento in Italia per freelance che vogliono crescere

10-11 Novembre 2018
L'evento dove freelance da tutta Italia impareranno strategie di branding e marketing efficaci per crescere come professionisti, aumentare la tariffa e lavorare con i migliori clienti sul mercato.
Vai alla pagina
Milano, Hotel Cà Granda