Vivere con moderazione non mi è mai servito

Vivere con moderazione non mi è mai servito

Vivere con moderazione non mi è mai servito

Sono stato cresciuto con la filosofia della moderazione – “non esagerare, stai al tuo posto e vedrai che tutto andrà bene”. Posso capire la filosofia, in un certo senso: erano ancora i tempi del boom economico o comunque si sentivano ancora gli effetti e quindi anche se agisci con moderazione, un po’ ti andava bene: avevi una casa che costava poco, avevi un lavoro per tutta la vita, l’auto per la gita della domenica e una famiglia che non avevi problemi a mantenere.
Così ho cominciato la mia vita da “adulto” con moderazione. Tranne in un campo, perché non ero io a decidere: lo sport agonistico. Sono stato campione europeo di Kickboxing e ho vinto il titolo grazie ad allenamenti continui e duri, per molti “esagerati”. La mia carriera invece era partita come tutti: non mi potevo lamentare, ma non era certo entusiasmante. Ho sempre seguito i consigli degli altri, per cui se qualcuno mi consigliava di mandare 100 presentazioni alle aziende, io le mandavo. Con qualche risultato, ma non molti. Strappo diventando come la media: un professionista con un po’ di clienti di media qualità, che guadagnava abbastanza per vivere, ma che doveva sempre stare attento agli euro che spendeva e che non aveva la libertà di passare le giornate come desiderava.

Poi ho cominciato ad osservare le persone che mi davano quei consigli e mi sono accorto di una cosa che ha cambiato il mio approccio: non volevo essere come loro. Si lamentavano della loro situazione, guadagnavano poco ed erano poco rispettati come professionisti.
Così ho cominciato ad esagerare, almeno secondo il senso comune: se mi dicevano di mandare 100 presentazioni, ne mandavo 2.000. Se mi dicevano di affittare un equipaggiamento che serviva per il mio lavoro, io lo compravo e lo davo io in affitto. Se mi dicevano che bisognava per forza passare per gli intermediari, perché con le aziende era difficile, io contattavo centinaia di aziende direttamente. Facendo così, ho cominciato a guadagnare due, tre volte quello che fatturavano i miei colleghi e i lavori erano di maggiore qualità. Ero molto, molto più soddisfatto e davanti a me si sono aperte molte più possibilità.

Fare con moderazione, oggi, senza in boom economico che ci dà una spinta, è il modo più sicuro per mettersi nei guai. Ho sentito molti Coach che mi dicono “ma ti conviene fare tutti questi video gratuiti?” Pubblico centinaia di video gratuiti ogni anno e la maggior parte dei clienti mi trova per quei video. Guadagno come l’1% dei Coach che fatturano di più in Italia, ho un’azienda con dipendenti mentre la maggior parte dei colleghi non arriva neanche a uno stipendio minimo. Quindi sì, esagerare oggi paga.

Anzi, andrei oltre: esagerare oggi è l’unica cosa che puoi fare per arrivare dove vuoi perché in realtà il fatto che sia esagerato è una percezione della società che ci hanno inculcato fin da piccoli e che adesso ci rende mediocri. La moderazione oggi porta spesso a perdere occasioni importanti, perché il mondo richiede più responsabilità personale e più spinta.

Esagerare spesso significa affrontare la vita con molta più energia, coraggio, determinazione di quanto faccia la media – e oggi, non so se ti sei accorto, la media, anche in un paese ricco, non sta per niente bene.
Perché la media agisce ancora con moderazione: va a votare, fa il suo lavoro, torna a casa la sera, si siede sul divano, guarda la televisione, va a letto e ripete. Il fine settimana se fa bello si va fuori per una gita, o al centro commerciale e poi la settimana ricomincia. Quante persone vedi felici e realizzate?

Non so, forse dico l’ovvio, ma affrontare la vita con questo tipo di energia non ti darà molto: non ti permetterà di sfiorare neanche il tuo potenziale, non ti permetterà di vivere progetti di vita ambiziosi ed entusiasmanti, non ti permetterà di avere molti più soldi per essere anche solo sereno nelle tue giornate e non dovere contare sempre gli euro che spendi.

Il mio messaggio è: esagera, perché tanto non è esagerato se non per la società. Se gli altri fanno dieci, tu fai cento. Mettici molta più energia e convinzione e lascia perdere tante attività che invece fanno da riempitivo a una vita di moderazione: shopping, hobby che hai preso solo per riempire il tempo, gite al centro commerciale solo perché non hai un progetto di vita ben chiaro in testa o il coraggio di lanciarti con esso.

Esagera: insegui obiettivi ambiziosi, affronta ogni giornata con grande energia e motivazione, supera le sfide che la vita ti mette davanti, desidera di più, molto di più, insegui la persona che vuoi essere. Sarai un esempio per gli altri e sarai una persona molto più realizzata e felice. Molto più energica e con una vita m molto più piena.

Esagera.

Vuoi analizzare la qualità dei tuoi clienti e del fatturato? Scarica il nostro Quality Audit
Vuoi prendere consapevolezza dei punti di miglioramento? Scarica
– Il Questionario sul fatturato basso
– Il Questionario sulla bassa qualità dei clienti e dei lavori
– Il Questionario sui carichi di lavoro eccessivi

Scarica l'ebook gratuito

Diventa uno dei freelance più pagati e richiesti sul mercato.

Un libro con strategie di marketing e personal branding per liberi professionisti che vogliono crescere.

Vuoi moltiplicare la tua tariffa e diventare uno dei freelance più richiesti del mercato?

L'evento in Italia per freelance che vogliono crescere

10-11 Novembre 2018
L'evento dove freelance da tutta Italia impareranno strategie di branding e marketing efficaci per crescere come professionisti, aumentare la tariffa e lavorare con i migliori clienti sul mercato.
Vai alla pagina
Milano, Hotel Cà Granda