DRC - livello di efficacia TITOLO SITO
Lorenzo Paoli
Il Coach delle Abitudini
Lorenzo Paoli » Coaching Onda Profonda
Abitudini per il mantenimento del livello di performance
DRC - livello di efficacia TITOLO SITO

livello di efficacia ita

 

 

Contenuto protetto da Copyright – la riproduzione è vietata senza una previa autorizzazione scritta da parte di Novaxia.

 

Spesso crediamo erroneamente che il successo nel lungo termine dipenda da un evento particolare: una buona campagna pubblicitaria, una negoziazione andata a buon fine, un nuovo, grande contratto.
In realtà sarebbe come attribuire il merito della vittoria della medaglia d’oro alle Olimpiadi di un’atleta alla gara che ha vinto: potrebbe essere stato un exploit ma è stato comunque il risultato di anni di routine di allenamento di complessità e durezza crescenti che hanno permesso all’atleta di raggiungere un grande risultato.
Abitudini efficaci in azienda portano a risultati efficaci nel lungo termine: un errore, dunque, non è altro che una momentanea caduta del livello di performance, che verrà presto ristabilito dalle abitudini efficaci ormai utilizzate nei nostri team.
Allo stesso modo, abitudini inefficaci elimineranno il vantaggio, ad esempio, di una straordinaria campagna pubblicitaria: la cattiva gestione aziendale lentamente cancellerà quel buon risultato riportando il livello di performance ai minimi.
Un’azienda con abitudini disfunzionali non riconosce neanche errori macroscopici che vengono commessi tutti i giorni nei vari reparti, perché il livello basso di performance generato da tali routine li copre. Gli errori non vengono a galla perché si è abituati a tali risultati.
Gli esempi sono tanti, come lo spettacolare errore della Classe A della Mercedes che si ribaltava molto facilmente, ma che non per questo ha danneggiato l’azienda nel lungo termine. Le routine di altissima qualità dell’organizzazione hanno dato presto i loro risultati: un nuovo concept di stabilità su strada ed un’auto incollata all’asfalto.
Allo stesso modo Blockbuster per anni ha ignorato i chiari segnali di cambiamento del mercato, così come Nokia che ha perso il 90% delle quote di mercato e Kodak che ha rischiato il fallimento.
Le abitudini che sviluppiamo come manager, team, reparti, divisioni ed organizzazioni faranno sempre la differenza, anche quando una crisi colpisce l’organizzazione, oppure quando un prodotto fortunato viene lanciato dall’azienda.